La vergine ex.jpg

Cimarosa, Domenico: La vergine del sole sheet music

Euro 180 (Partitura)
Euro 125 (Riduzione Canto e Pianoforte)

Descrizione

Esempio audio:

Cimarosa, Domenico (1749-1801)

Descrizione:

Edited by:

Anno di pubblicazione:

Orchestra:

Durata:

ISBN:

Opzioni:

La vergine del sole (Dramma per musica)

Simone Perugini

2021

1 Fl, 2 Ob, 2 Cl, Fg, 2 Cor, 2 Tr., Archi, Voci, Coro

140 minuti ca.

979-8533653398

Partitura, Riduzione canto e pianoforte

Dettagli:

La vergine del sole fu rappresentata per la prima volta al teatro Ermitage di San Pietroburgo nella stagione autunnale del 1788, molto probabilmente in occasione di uno dei festeggiamenti in onore della zarina Caterina II (l'anniversario dell'incoronazione, il 22 settembre, oppure nel giorno onomastico di Santa Caterina, il 24 novembre). La conferma relativa all'anno del debutto giunge da due fonti primarie assolutamente autorevoli: il libretto stampato per quella occasione, ritrovato dal curatore della presente edizione presso la biblioteca di Mosca e "L'Indice de' Teatrali Spettacoli di tutto l'anno, dalla primavera 1788 a tutto il 1790" che conferma, nominando anche gli interpreti vocali, i dati che vennero stampati nel libretto. La tradizione manoscritta de La vergine del sole comprende sei partiture complete, le parti di esecuzione di I-Nc e vari estratti in partitura e parti corrispondenti ad alcuni numeri musicali del lavoro. Esistono anche alcune edizioni a stampa del Rondò di Idalide Ah, tornar la bella aurora e due edizioni del duetto che funge da finale del primo atto – non di quello cimarosiano però, bensì di un pezzo inserito nell'opera in occasione di una ripresa. Naturalmente le due edizioni a stampa di questo duetto non sono risultate di alcun interesse per la nostra edizione critica. Le partiture che riportano l'opera completa costituiscono una tradizione assai omogenea: a parte alcuni singoli errori di copiatura e rarissime varianti, ogni copia riprende la lezione dell'autografo almeno per quello che riguarda la struttura generale del lavoro; non ci sono varianti nella successione dei brani, né aggiunte, mancanze o sostituzioni di numeri musicali.